Progetto di giardino privato

realizzato con la collaborazione dell'architetto

Nicla Di Bisceglie



Il progetto nasce dalle richieste del committente di avere a disposizione:

- sistemazione generale del giardino

- piscina lontana dall'abitazione

- frutteto

- tre posti auto all'aperto



Nel disegno generale del progetto si è voluto insistere su sentieri sinuosi che offrono, a chi li percorra, una visuale sempre cangiante, da cui nascono tre grosse spirali che ospitano: la prima un esemplare di cedro del Libano; la seconda il laghetto con la limonaia; la terza la piscina.

A Sud della casa, oltre il cortile, è stata ricavata una terrazza coperta, per un terzo della sua estensione, da un pergolato di glicine. La terrazza è utilizzabile come estensione della casa nelle giornate estive. Dotata di un barbecue, si presta ad ospitare pranzi e cene all'aperto, o semplicemente per contemplare la vista che si apre sulla valle.


regge2






























Una scalinata, che parte dalla terrazza, scende su un sentiero che si distende lungo il lato sud della proprietà. Il sentiero è protetto a Nord da un terrazzamento in pietra, godendo così di un microclima ideale per accogliere il timo, la cui fragranza regala ai passanti la ben nota azione balsamica sulle vie respiratorie. Concedendosi alla vista sulla valle, è un sentiero che appaga sia il senso dell'olfatto che della vista. Arriva ad un filare di vecchi cipressi nella parte terminale.

Un grosso cedro del Libano occupa un posto d'onore sul lato ovest della casa, nel centro di una spirale disegnata con aiuole di lavanda. Da qui segue un sentiero che fiancheggia un roseto ad andamento sinuoso, percorrendo il quale il visitatore scoprirà due stanze, ognuna delle quali ospita un grande olmo, ai cui piedi si trova una seduta. Il sentiero, nella sua parte finale, si immerge nel roseto e raggiunge la limonaia affacciata sul laghetto.

Dalla limonaia si gode della vista sul laghetto. Gli amanti della natura avranno a disposizione un documentario dal vivo, offerto dagli ospiti che immancabilmente arriveranno ad abbeverarsi. Ci si aspetta di avere la possibilità di osservare rettili, mammiferi, uccelli e insetti. Gli animali, oltre che dall'acqua, saranno invitati ad abitare il giardino anche dalle piante che offriranno loro i propri frutti, come il sorbo, il biancospino, il nocciolo e le querce, o il proprio nettare come la buddleia e la lavanda.

Un piccolo boschetto di betulle separa la restante parte del giardino.
Partendo dal roseto, il sentiero si dirama per arrivare alla piscina, che per espressa volontà del committente, si trova lontana dall'abitazione. Tutt'attorno si distende il frutteto con l'orto.
Il giardino perde l'aspetto formale man mano che ci si allontana dall'abitazione, per riacquistare l'identità di bosco naturale nella parte Sud-Est della proprietà, dove si trova una valletta che separa due lembi di terra. E' parso interessante isolare dal resto del giardino, con una siepe di nocciolo, il lembo più lontano. Questo sarà raggiungibile solo percorrendo un ponticello che parte dal lembo opposto.

I pannelli solari, che prima erano sistemati sul sentiero del timo, ora sono sostituiti da tegole speciali che che costituiscono il tetto dell'abitazione.

I tre posti auto sono disposti sul lato est del garage.


 
tavola_regge1









































 
  
 
  Site Map